CittàOggi aderisce all'
Cronaca del territorio
Magenta, Inaugurata la nuova ‘casa degli Alpini’ di Magenta dopo il rogo dell’estate 2008

13 Settembre 2010
Penne nere: su la testa!

Inaugurata la nuova ‘casa degli Alpini’ di Magenta dopo il rogo dell’estate 2008

Magenta La forza, la perseveranza, la costanza. Gli Alpini sono gente tosta e che non molla mai. E non hanno mollato nemmeno dinanzi all’incendio pauroso dell’estate 2008, che aveva mandato completamente distrutta la loro bella sede di Via Milano, proprio all’ingresso della città. Domenica, a due anni da quel rogo, la sede delle nostro ‘Penne Nere’ è tornata a vivere.

Loro, il Gruppo guidato da Piercarlo Cattaneo, in tutto questo tempo, non ha mai smesso di lottare. Non ha mai smesso di combattere quella “buona battaglia” – come ha ricordato lo stesso Capogruppo al momento dei discorsi di rito – che li ha condotti a questo importante traguardo. La baita alpina in legno, con il suo bel giardino attorno, torneranno ad essere uno dei centri più vivi e di ritrovo dell’associazionismo magentino. E’ stato così, domenica mattina, con tanti ospiti intervenuti all’atteso appuntamento. Autorità politiche, civili, militari e religiose, con il Segretario degli Alpini di Magenta, Gigi Rodeghiero, nelle vesti di speaker di casa.

Dopo la benedizione impartita da don Maurizio, a prendere la parola è stato Luigi Boffi della Sezione di Milano. Che ha rivolto “parole di sentito ringraziamento in prima battuta proprio a Cattaneo e a tutti quelli che si sono dati da fare per ricostruire questa casa”. “Noi – ha detto Boffi – concorriamo insieme a tutti gli altri Alpini a costruire l’Italia migliore”. Quindi, parole di elogio sono state spese all’indirizzo della “testimonianza eroica” dei due ‘reduci’ presenti: Palmino Locatelli e Antonio Brentel. Il Vice Sindaco e Assessore Marco Maerna ha parlato di “momento importante per tutta la nostra comunità”. “Colgo, inoltre, quest’occasione per mandare un plauso a tutti i nostri militari impegnati in azioni di pace nel mondo”.

“Voi Alpini – ha continuato Maerna – trasmette un bellissimo messagio di amore per la patria e di forte legame con la tradizione. Inoltre, questa vostra sede completamente rifatta, all’ingresso della città, è un biglietto da visita bellissimo per Magenta”. Il Capogruppo Cattaneo, se da un lato, si è detto dispiaciuto, perché ormai le Penne Nere fanno fatica a far breccia tra le nuove generazioni, dall’altro lato, ha ribadito l’importanza di aver portato a termine questo percorso. “Perchè in ogni caso avremo la certezza di aver combattuto la nostra buona battaglia”.

E poi ancora citando Gabriele D’Annunzio: “Noi siamo ciò che doniamo”. A sottolineare il dono e la testimonianza concreta del proprio impegno civico per Magenta. Tra gli altri intervenuti la Fondazione Ticino Olona con la sua Presidente Rita Saredi e Orietta Piva del Cda, che insieme alla famiglia Trifone e Beppe Parazzini, anche lui una ‘Penna Nera’, fanno parte della schiera dei benefattori eccellenti. A chiudere, le parole del Rappresentante ANA Nazionale Michele Casini: “I nostri Alpini sono sempre presenti e quest’opera ne è la riconferma. Siamo qui vicini alle comunità locali e alle istituzioni. Complimenti a tutti quelli che hanno creduto in questo progetto. Viva gli Alpini, Viva l’Italia!”.



FV






Altri articoli da Magenta
Altri articoli di Cronaca del territorio
Loading
Notizie in Rete
Annunci personali




La tua area riservata

Registrati gratis - Recupera i tuoi dati persi

Inserisci la tua Username >
Inserisci la tua Password ›



Focus


Ricevi CittàOggi - Pubblicità - Scrivi alla redazione - Lavora con noi

Guarda le VideoNotizie

-

-

-

Tutti i video